Il lato oscuro…

Share on Twitter
217.jpg
Le piccole gioie che regalano i gatti, bleah… :P
E anche un piccolo cambio di “design”!


This entry was posted in Strisce. Bookmark the permalink.

16 commenti a Il lato oscuro…

  1. Alek says:

    Non oso immaginare la scena reale :)
    Ciau

  2. Zak says:

    Al mare mi lasciava pezzi di topo.
    Era un gesto di rispetto, credo.

  3. Ricciele says:

    ossignore :) splatter!

  4. cybergatto says:

    ahhhhhh…che è successo al tuo naso???

    >^^

  5. Haku says:

    Madonna una roba alla hitchcock!!

  6. Albo says:

    ti ha punto un insetto sul naso? :D
    o ti hanno fatto la plastica al contrario?
    quella non è una gatta… E’ PREDATOR!!!
    sicuramente la assumeranno in comune per fare strage di piccioni al duomo!

  7. nonso... says:

    nono, pessimo cambio grafico! PESSIMO! ritorna sui tuoi passi finchè sei in tempo

  8. Arioch says:

    mamma mia! Tutto questo è molto pulp!!!! :)

  9. oni_01 says:

    ti ha punto una vespa sul naso?

  10. Dai commenti vedo che il tuo nuovo naso è piaciuto ^___^

  11. puss in boots says:

    ggg, carina la gatta ad almeno lasciarti i regalini fuori… il mio micio mi ha svegliato una santa domenica mattina alle 8 con un uccellino vivo in camera! che schifo! c’erano piume ovunque per giorni, naturalmente ho chiamato il mio vicino per liberare l’uccellino in giardino…

  12. Lui says:

    uddio t’è esploso il naso!!!!

  13. Plunk says:

    la mia gatta era specializata in lucertole e ratti … e poi ore ed ore a raccimolare le frattaglie di suddetti animali in giro per casa.

    http://www.plunk.splinder.com

  14. Cementino says:

    Cos’è, la benzina è cara e tu usi il naso per andare a vela sullo skate?

  15. Rosiel says:

    La gatta di mia zia era una vera cacciatrice: catturava i ratti, gli strappava il cuore e poi glieli portava davanti alla porta di casa….. mentre i piccioni li uccideva e se li mangiava, ne restavano solo le piume… ;)

  16. Elisabetta says:

    Oddio, mi hai ricordato il giorno in cui ho aperto la porta e ho scoperto che la mia gatta mi aveva omaggiata lasciandomi sullo zerbino un uccellino e mezzo…