Urgenze…

Share on Twitter

Clicca per ingrandire

Il Gatto Quotidiano - Due Cuori e una Gatta

Alessandro oggi ci presenta i suoi micini di un mese!!!:

  • Lord Colossus (il grigio): il nome è dato dalla sua corporatura (e pelo) più massiccio di quello dei suoi fratteli, e dal comportamento (e dalla posa) freddo e distaccato che assume mentre gli altri giocano;
  • Tontolo (il cinereo):  un nome, è un fatto. E’ così docile e mansueto che gli si potrebbe far di tutto : mentre gli altri fratelli si dimenano un pò nel sollevarli, Tontolo non oppone alcuna resistenza, guardandoti con aria confusa;
  • Lara (la grigia): da Lara Croft. Il nome gli è stato dato in quanta amana arrampicarsi sulle poltrone, sedie, etc ect ed esplorare tutta la casa;
  • Cucciola (la nera): la versione femminile di Tontolo. Rispetto a Tontolo, tuttavia, è un pelino più sveglia.

Belli, vero ? Son cresciuti molto bene.
Spero di vederli pubblicati sul Blog :).

This entry was posted in Strisce. Bookmark the permalink.

19 commenti a Urgenze…

  1. Fabio says:

    Non è che mi sia ben chiara la situazione illustrata nella striscia odierna, devo dire.

    A cosa le servono le pinze? E perché la Gatta è rinchiusa nel trasportino?

    Lo sapremo nella prossima puntata?? :D

  2. Fam says:

    Pur di stare tranquilla qualche ora, lascia la gatta nel trasportino? Sadica! (o forse è solo autodifesa?)

  3. Laura says:

    Fabio, le pinze servono per aprireil trasportino che si è rotto!!! Per cui la micia èbloccata dentro.. ;-)

  4. Kaneda says:

    Acc, non credevo che la striscia sarebbe stata poco chiara! Comunque Laura ha azzeccato la situzione :)

  5. Francesca says:

    Ma povera gatta!!!
    Non vorrei essere nei panni di quei due quando la libereranno :) :)

    PS Vorrei mandarvi la foto della mia miciona appena mancata. Come posso fare?
    Grazie

  6. Sergio "Gungho" Camici says:

    Caspita, ma che trasportini usate?
    I miei si aprono solo a guardarli storto… :)

  7. Kaneda says:

    @Francesca: scrivi a info@duecuorieunagatta.net e manda lì la foto
    Un abbraccio Kaneda

  8. Ely says:

    Stupenda!!!!

    Altro che poco chiara, l’ho capita al volo!

    Devi averla passata per capirla, eh eh , mannaggia ai trasportini, si aprono quando non devono e si bloccano quando devono aprirsi :-)

    ” no no può aspettare qualche ora ” ma non credo che la gatta sia molto d’accordo, credo che al ritorno del marito dovranno farsi perdonare con pesce extra, ah ah !!! :-)

  9. Luis says:

    Per noi estranieri e con solo un pò di dominio dal’italiano, era poco chiara, ma per fortuna Laura e Kaneda hanno risolto la situazione. xD
    Grande striscia!!!!!

  10. Alessandro says:

    Aaahhh… che belli i miei micini =>^o^<=.

  11. Kaneda says:

    @Luis, da dove ci leggi? Sudamerica? :)

  12. Roberta says:

    ahahahaha in effetti i trasportini sono trappole a doppio…… :) I miei trasportini invece non hanno questi problemi, anzi!
    Belli i miciottoli, ma li tieni tutti te?

  13. Luis says:

    Infatti, sono dal Cile =).
    Ogni tanto prendo le strisci dalla Gatta e li carico sul facebook con una traduzione in spagnolo (non faccio nulla alla striscia, solo tradurro sul commenti). =)

  14. Alessandro says:

    Magari potessi, ma gli ho già promessi a due famiglie d’amici :) Una famiglia si prenderà una coppia, mentre l’altra gli ultimi due. Così si faran compagnia =>^o^<=.

  15. Ely says:

    Bravo Luis!
    Così anche all’estero conoscono il mitico Kaneda e le sue illustrazioni! :-)

  16. Giusy says:

    Povera Gatta,

    quando uscirà sarà arrabbiatissima…e pure con ragione! ^^

    Splendidi micini! <3 <3 <3

  17. Marcello67 says:

    Il Kaneda Internazionale, evaii!!!

  18. Kaneda says:

    @Luis: avresti una di queste strisce tradotte? Voglio vedere se la Gatta interessa a chi parla spagnolo :)

  19. Luis says:

    Lol!, da qualche giorno che non posso fare nessuna, ma per facebook almeno, “La Gatta (trad. per Luis)” ha “tifosi” dall’argentina, dal Cile, dalla Venezuela, Spagna e… Italia anche. (ah, e dal Messico).